Cos’è e come nasce la psicoterapia breve strategica.

Un nuovo ed efficace metodo per i problemi della mente.

psicoterapia breve strategica

Psicoterapia Breve Strategica

La ben nota Psicoterapia breve strategica è un intervento psicologico consigliato quando si vive un disturbo fortemente invalidante.

Il moderno ed efficiente metodo è stato creato dalla scuola di specializzazione del prof. Giorgio Nardone, di Arezzo, insieme con lo psicologo e filosofo Paul Watzlawick, Usa.

Al centro di molti studi e ricerche in psicologia, tale sistema viene adoperato per risolvere una consistente quantità di disturbi mentali.

Disturbi, che impediscono e compromettono il naturale svolgersi della propria vita, e a volte quella delle persone vicine.

  • paura, in senso generale, 
  • fobia per oggetti o animali, o di qualcosa legata alle azioni quotidiane, come la fagofobia o l’anginofobia; 
  • paranoia;
  • ipocondria, timore di ammalarsi,
  • depressione, solo per citarne alcuni.

Le tecniche dell’approccio strategico in Psicoterapia possono essere definite come: “l’arte di risolvere complicati problemi umani, mediante, apparentemente semplici soluzioni”, G. Nardone.

Questo procedimento, diversamente dai classici, indaga come funziona e cosa alimenta il problema.

Piuttosto che ricercare il perché esiste nel passato, come avveniva fino a qualche anno addietro.

tecniche

Tecniche 

Continue analisi e sperimentazioni sul campo, in seguito, hanno permesso di svelare, e affermare, una scoperta importantissima in ambito psicologico.

Secondo le procedure della psicoterapia breve strategica bisogna andare ad agire su come funziona il problema oggi.

Le tentate soluzioni disfunzionali, messe in atto per fronteggiarlo, portano dei cambiamenti rapidi e duraturi.

Il processo non avviene tramite tecniche dettate dalle scuole di un tempo.

Non c’è bisogno, in tale metodologia, di sottoporre il paziente a sedute di psicanalisi o ipnosi.

Al terapista strategico non interessa riportare in superficie ricordi ed esperienze vissute in età infantile o tempi remoti.

Giorgio Nardone, nei sui libri, descrive chiaramente tali passaggi.  

 

terapia breve strategica

Il modello strategico

La Psicoterapia Breve Strategica basa le proprie azioni su un modello definito “ricerca-intervento”.

Secondo tale modello, infatti, per conoscere come funziona un problema, non è sufficiente osservarlo dall’esterno. Ma è necessario agire in modo da cambiarne il funzionamento.

Solo il modo in cui il sistema risponderà all’introduzione di una variabile di cambiamento, ne svelerà il precedente funzionamento.

E, quindi, permetterà di modificarlo a sua volta.

La nuova Terapia Breve Strategica, quindi, è un intervento terapeutico di breve durata, perfino meno di 20 sedute.

Anzi, come vedremo in seguito, anche meno.

terapia breve strategica funziona

Come funziona

Ma guardiamo nello specifico come agisce la terapia breve strategica, e come trasforma l’interpretazione delle problematiche nella mente del paziente.

E’ un nuovo metodo di cura che agisce in due direzioni:

  • da una parte elimina il problema. Cioè i sintomi o i comportamenti disfunzionali, per il quale la persona richiede aiuto,
  • dall’altra, serve a produrre dei cambiamenti. Nelle modalità di percepire la realtà e agire di conseguenza.

Quasi 30 anni di ricerca hanno validato l’efficacia ed l’efficienza del nuovo modello.

In tal modo, difatti, è stata verificata la sua capacità di produrre cambiamenti in tempi brevi entro le prime 10 sedute.

Si, anche con una decina di incontri. Persino nel caso di disturbi molto radicati e che persistono da anni.

costi

Costi

In merito ai costi per le sedute della terapia strategica posso garantirti che non sono affatto proibitivi.

Tieni conto, inoltre, che spesso dopo la prima, o un paio di sedute, comincerai a sentirti già meglio.

Non a caso le opinioni in merito sono molto positive.

Ed, inoltre, non stiamo parlando di un percorso lungo. A volte bastano pochi incontri, ed il problema puoi risolverlo in brevissimo tempo.

Chiedimi come iniziare il percorso in modo giusto.

Mi trovi a: