“Non può vivere senza timore chi è causa del suo timore” Epicuro

Questo è un attacco di panico?

L’attacco di Panico è la forma estrema della paura. Essa si esprime in una reazione fisiologica dove tutti gli apparati (neurologico, respiratorio, cardio-circolatorio e urinario) si attivano in modo esagerato creando nella persona sensazione di vuoto, di soffocamento, respirazione affannosa, giramento di testa, tachicardia, irrigidimento, nausea, sudorazione, dolori, vertigini. A questa escalation di reazioni viene associata la paura  di impazzire o di morire o di perdere il controllo tracciando, così, un impronta oscura nel vissuto della persona.

Tutto ciò si può manifestare in infinite modalità ad intensità diversa. La persona che ha vissuto l’attacco di panico, col terrore di riviverlo, inizia a condurre una vita sempre più limitata. Può iniziare ad avere paura ad uscire di casa, a fare la spesa, a stare in luoghi aperti o, al contrario, chiusi, stare da solo, viaggiare e altro ancora.

Funzionano i farmaci?

Le ricerche effettuate hanno dimostrato che l’assunzione dei farmaci non porta alla guarigione e superamento di questo problema. I farmaci vanno ad agire sull’aspetto neurologico alleviando le reazioni fisiologiche, ma non possono agire sulla percezione che la persona ha riguardo il problema.

Qual è la soluzione?

La soluzione all’attacco di panico è la psicoterapia. In particolare, la Terapia Breve Strategica risulta essere tra le migliori terapie risolutive per questo problema nel giro di poche sedute (meno di 10).  Attraverso delle strategie terapeutiche, la terapia breve strategica accompagna la persona ad affrontare il problema, superare i suoi limiti e tirare fuori le risorse ormai offuscate. Gli anni di ricerca hanno permesso di creare dei protocolli specifici efficaci ed efficienti, tali da permettere una percentuale di riuscita del 95%.

Vai all'inizio della pagina